Impegnandosi attivamente nella raccolta di firme per l'iniziativa popolare sulla sicurezza alimentare, molte contadine e contadini hanno contribuito a gettare le basi necessarie per iscrivere questo importante principio nella Costituzione federale. Il testo dell'iniziativa ha spinto la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati a presentare un controprogetto, poi accolto dal Consiglio federale e, con un'ampia maggioranza, da entrambe le Camere. Dopo un attento esame del controprogetto, il comitato promotore ha ritirato l'iniziativa. Ora la popolazione svizzera è chiamata a votare su un nuovo articolo, che iscriverà nella Costituzione federale il principio della sicurezza alimentare.


Il controprogetto ha ripreso le richieste in materia di sicurezza alimentare, ha riconosciuto l'importanza della produzione indigena e l'ha collocata in un più vasto approccio complessivo. Il Consiglio federale ritiene che per garantire la sicurezza alimentare occorra anche prendere in considerazione le basi della produzione (in particolare il terreno coltivabile), la concorrenzialità della catena del valore aggiunto, l'importazione di derrate alimentari e un consumo rispettoso delle risorse naturali.

 

 

Conferenza stampa per il lancio della campagna

Il deposito di firme

 
Vai all'inizio della pagina